LA VITA SOCIALE DI S.O.M.S

S.O.M.S Newsletter

ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA 26 GIUGNO


ASSEMBLEA ORDINARIA, 26 giugno 2020

OdG Bilancio consuntivo 2020

[dal verbale]

Il Presidente Aurora Bonfoco introduce il punto 1° dell’O.d.G. sintetizzando le attività svolte nell’anno e le difficoltà organizzative ed economiche provocare dalla pandemia: per un lungo periodo (marzo-maggio e poi novembre-dicembre) sia le proiezioni in sala del Cinema Arlecchino sia l’utilizzo dello Stanzone da parte di chi vi organizza corsi di danza (classica e tango) e di teatro o lo affitta per altre attività sono state bloccate; per lo stesso motivo sono state cancellate le serate di musica jazz tradizionalmente organizzate dalla SOMS. La normale attività (sia pure con limitazioni) è stata possibile solo per brevi periodi e, per quanto riguarda il cinema, sostituita o affiancata dall’attivazione della sala virtuale nell’ambito del circuito #iorestoinSALA. La drastica contrazione delle entrate dovuta al blocco delle attività è, comunque, stata solo in parte compensata dai contributi a fondo perduto del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo e dai ristori governativi, che hanno complessivamente consentito di fare fronte alle spese più urgenti. Ricorda infine il tentativo, non coronato da successo, di partecipare ad un Bando di Regione Lombardia che finanziava interventi su immobili sfitti per la realizzazione di nuova edilizia residenziale sociale. L’esito negativo della ricerca di possibili partner dotati di adeguate risorse finanziarie ha però indotto a rinunciare a partecipare al Bando, salva restando la possibilità di utilizzare il lavoro svolto (e altri eventuali approfondimenti ed elaborazioni),  per partecipare ad altri Bandi analoghi, ad es. di Fondazioni.

Il Consigliere delegato al Bilancio e Tesoriere, Nicola Adavastro, illustra poi i punti importanti del Bilancio (consultabile sul sito, pag. Bilanci).

Evidenzia innanzitutto come la crisi sistemica generata dalla espansione a livello globale della epidemia virale da Covid 19 abbia avuto pesanti influenze sull’andamento dei conti della Società. Si registra una drastica contrazione delle attività societarie che si è tradotta in un forte ridimensionamento delle entrate, mentre la riduzione dei costi conseguente alla minore attività non è stata parimente sufficiente a recuperare una condizione di equilibrio dei conti.

Nell’ordine si devono segnalare come fattori di criticità irrisolte:

-          La continua erosione del patrimonio netto;

-          La riduzione delle attività negli anni, non solo quindi a causa pandemia, ha comportato meno rischi da indebitamento ma ha avuto come conseguenza un permanente fabbisogno di liquidità;

-          I costi generali rappresentano il 50% dei ricavi. Occorre quindi procedere ad una loro ulteriore disamina, centro di costo per centro di costo, per poter assumere adeguate iniziative correttive.

[...]

Ora, con l’operazione di trasformazione statutaria, divenendo formalmente un Ente no-profit del Terzo settore sarà possibile, oltre che necessario, perseguire con grande determinazione due vie, entrambe difficili e non scontate:

-          puntare a che le attività sociali siano assolte sempre più ricorrendo al puro volontariato dei soci, sperabilmente di nuovi e giovani soci, divenendo la società, ancor più che nel passato, un luogo di militanza civile vocato alla diffusione della cultura, un punto di incontro di tutti coloro che intendono agire in modo attivo a sostegno dei soggetti più esposti alla crisi post-pandemica, quindi più fragili, della nostra comunità cittadina;

-          diventare un centro di progettazione sociale primario della Città, un luogo in grado di coinvolgere l’intera comunità vogherese nella programmazione di attività innovative in ogni ambito: e ciò finalmente sarà un orizzonte praticabile anche per la SOMS in quanto la trasformazione in Ente no-profit consentirà finalmente di superare la barriera di ingresso alle risorse di Fondazione Cariplo, finora inaccessibili in quanto la società risulta iscritta alla Camera di Commercio (in questo momento in regime di sospensione), quindi si qualifica come soggetto commerciale e non come un ente no-profit.

Al termine del dibattito si procede alla votazione per l’approvazione del Bilancio: 55 voti a favore, nessuno contrario, nessuno astenuto. Il Bilancio viene approvato all’unanimità dall’Assemblea dei Soci.

Alle ore 9.50 il Presidente dell’assemblea dichiara chiusa l’Assemblea ordinaria.

ASSEMBLEA STRAORDINARIA, 26 giugno 2020 ore 10.00

Per la validità dell’Assemblea Straordinaria convocata per deliberare sulle modifiche statutarie l’art. 15 dello Statuto prevede la presenza, in seconda convocazione, di un terzo dei soci.

Alle ore 10.00, essendo presenti, di persona o mediante delega scritta,  N. 55 Soci (32 + 23) sul totale di 116 registrati nel Libro Soci, il Presidente dell’assemblea dichiara l’Assemblea straordinaria dei Soci regolarmente costituita per discutere e deliberare sul seguente O.d.G.:

1) Modifica dello Statuto

La Presidente Aurora Bonfoco illustra brevemente i motivi della convocazione dell’Assemblea straordinaria che si è resa necessaria per adeguare lo Statuto della SOMS di Voghera alla nuova normativa entrata in vigore con l’approvazione del Decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117 noto come “Codice del Terzo settore“.

Il nuovo Statuto (copia del quale è stata inviata via mail insieme alla convocazione dell’Assemblea ed era disponibile in Sede) è stato redatto con la consulenza della dott.ssa Gazzaniga in conformità con quanto prevede la normativa di riferimento ed è stato poi approvato dal CdA nella riunione dell’1 aprile u.s.

Con l’approvazione del nuovo Statuto il sodalizio assumerà quindi la denominazione di “SOCIETÀ OPERAIA DI MUTUO SOCCORSO (S.O.M.S.) DI VOGHERA – APS” e la natura giuridica di Associazione di Promozione Sociale (APS) e avrà la possibilità di conseguire la personalità giuridica (una volta entrato in vigore il RUNTS), opportunità rilevante per gli enti come il nostro che hanno un patrimonio sociale considerevole e che vogliono preservarlo. La “tipologia” APS risulta quella più affine alla forma originaria delle Società di Mutuo Soccorso.

Dopo il dibattito il numero dei presenti risulta di 54 Soci (N.32 in  persona, N.22 mediante delega). Il nuovo Statuto viene posto in votazione: 54 voti a favore, nessuno contrario, nessuno astenuto. I Soci approvano all’unanimità lo Statuto e la conseguente trasformazione dell’ente in Associazione di Promozione Sociale.

Il nuovo Statuto si può trovare sul sito (Pagina Statuto nella Sezione S.O.M.S.)